Logo

TITANE di Julia Ducournau

con Vincent Lindon, Agathe Rousselle, Garance Marillier, Laïs Salameh
Francia/Belgio, 1h48, v.o francese sott. italiano
PALMA D’ORO

Da piccola Alexia ha avuto un incidente che ha costretto i medici a impiantarle una placca di titanio sul lato destro del cranio. Diventata adulta, fa la ballerina e nasconde una vena omicida che si prepara a esplodere. Dopo il sorprendente esordio con Raw – Una cruda verità, la regista francese Julia Ducournau alza il livello dell’ambizione con una pellicola che mescola il body horror più estremo con il melodramma, confermando il suo grande talento. Alla base della narrazione c’è un amplesso umano-automobilistico che non può che ricordare Crash di Cronenberg, ma sono tanti i riferimenti a opere cinematografiche proposti dall’autrice transalpina. Da segnalare che una delle sequenze più forti di quest’opera impressionante è accompagnata dalle note di Nessuno mi può giudicare di Caterina Caselli. 

Scheda a cura di LongTake

  CANNES 74 CONCORSO

Following a series of unexplained crimes, a father is reunited with the son who has been missing for 10 years.

From Cannes 2021

 

Giovedì 23, ore 21.50, Arcobaleno Filmcenter, Sala 1 SOLD OUT
Sabato 25, ore 21.50, Eliseo Multisala, Sala Scorsese SOLD OUT

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.